Menu & Search

La Mammina: violenza di genere e femminicidio nell’Abruzzo del dopoguerra

Agosto 3, 2021

di Gigliola Edmondo

Violenza di genere e femminicidio tra i temi affrontati dalla giornalista e scrittrice abruzzese Roberta Zimei nel suo romanzo d’esordio”La Mammina”, pubblicato dalla casa editrice Tabula Fati-Solfanelli.

L’arrivo della nuova levatrice in un piccolo paese dell’Appennino abruzzese apre scenari insoliti nella vita dei personaggi, svelandone i segreti fino ad allora rimasti attutiti dalle consuetudini e dal silenzio, come quei paesaggi di montagna lo erano dalla neve. “La Mammina”, come veniva chiamata colei che aiutava le madri che partorivano in casa, è il titolo del romanzo di esordio di Roberta Zimei, pubblicato dalla casa editrice Tabula Fati – Solfanelli. 

Il libro racconta il desiderio di libertà della protagonista, Anticlera Massari, che lotta per sfuggire dalle trame di una violenza taciuta e capillare con la vitalità, la sfrontatezza e le vulnerabilità di tante altre donne che non hanno voce, e paga con la vita questa coraggiosa battaglia. Il tema della violenza di genere viene affrontato con lucidità a cui si affianca l’ironia, mai rassegnata, della ricerca di un finale diverso.

I femminicidi sono omicidi di donne in nome di sovrastrutture ideologiche di matrice patriarcale e la gelosia e il possesso rappresentano il movente principale che è lo stesso che spinge ad uccidere Augusto Di Iorio, altra figura centrale del romanzo.

Roberta Zimei giornalista e scrittrice abruzzese, è laurea in Lettere moderne e specializzata nella comunicazione istituzionale e nella scrittura per il web, campi nei quali continua a lavorare all’Università “G. d’Annunzio” dopo un’esperienza nell’emittente televisiva di Ateneo, dove ha ricoperto il ruolo di capo ufficio stampa per otto anni.

RobertaZimei
Related article
Penne Festival delle Arti

Penne Festival delle Arti

La Mammina si è aggiudicata il secondo premio, per la…

Parole d’autore

Parole d’autore

Parole d’autore è la rubrica culturale curata da Antimo Amore…

La Mammina, quel delitto di un Abruzzo remoto

La Mammina, quel delitto di un Abruzzo remoto

L’articolo è firmato da Cristina Squartecchia, per Il Messaggero

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search